Corragio, unità e xylella

Ogni giorno quando dalla campagna andiamo a San Vito, vediamo che ci sono sempre nuovi rami di ulivo colpiti dalla xylella e ci sentiamo tristi. Gli alberi di ulivo provano da soli a combattere il batterio facendo nascere i polloni alla base del tronco. Ma da soli non ce la possono fare. Il batterio lentamente percorre i vasi xylematici dell’albero ostruendoli con il suo gel e così non arriva più la linfa grezza e le foglie seccano, i rami seccano e l’albero secca. Gli alberi seccano. Il nostro paesaggio muore. L’economia si ferma. E il velo della morte ci ricopre.

Gli alberi di ulivo non sono solo dei proprietari delle campagne sono patrimonio di tutti noi.

Secondo alcune persone “oramai è troppo tardi, la xylella è arrivata e sta uccidendo i nostri alberi” e “Emiliano e Vendola hanno ignorato il problema.”

Anche se Emiliano e Vendola hanno ignorato il problema non significa che noi dobbiamo fare lo stesso. Anche noi possiamo e dobbiamo assumerci la responsabilità di prenderci cura degli alberi e non solo. Finché c’è linfa nell’albero non è troppo tardi per cercare di salvarlo. Non intervenire, in questo caso, non è una opzione accettabile, perché sarebbe come guardare qualcuno che muore lentamente.

Giriamo spesso nella nostra campagna, armati di seghetto, alcol e candeggina. E quando vediamo qualcosa di sospetto iniziamo con “l’operazione”: disinfettiamo la sega, tagliamo il ramo malato, spruzziamo la candeggina sul tronco dove abbiamo tagliato il ramo, ridisinfettiamo la sega, bruciamo il ramo tagliato.

Sappiamo che non tutti possono fare questo (a causa dell’età, malattia, altro). Quindi è necessario offrire l’aiuto come noi abbiamo fatto con i nostri vicini in questi giorni, ma è necessario anche richiedere l’aiuto di chi può tagliare i rami malati. Se hai bisogno di aiuto a tagliare i rami, non rimanere in silenzio, chiedi l’aiuto.

Combattere la xylella è un dovere morale e lo si può fare solo insieme!

Cari proprietari di campagna, colleghi agricoltori, colleghi potatori, candidati sindaci, cittadini tutti, se non interveniamo è sicuro che fra poco non ci saranno più alberi.

Chi non combatte la xylella è un suo alleato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *